Written by 08:57 BRAINsCulture, Home

Merry Christmovies!

Quell’inspiegabile sensazione di comfort che ci lasciano i film di Natale


Per la maggior parte delle persone, il Natale è il periodo più bello dell’anno: l’atmosfera di festa, le luci, gli addobbi, le canzoni, la famiglia, i regali. Lo spirito natalizio si manifesta in moltissimi modi, ma uno in particolare ci rende automaticamente tutti un po’ più felici, facendoci immergere completamente in quello che mi piace definire “il comfort natalizio” per eccellenza: i film di Natale.

Il binomio Cinema/Natale esiste praticamente da sempre. I film natalizi non sono semplicemente un intrattenimento stagionale, ma sono diventati ormai una vera e propria tradizione consolidata nell’immaginario collettivo. Ma come mai amiamo così tanto i film di Natale? Ad attirarci non è tanto la trama, nemmeno gli attori che interpretano determinati personaggi e neanche il fattore novità: è l’essenza del Natale stesso. Questo genere di film ha il potere di catturare il valore intrinseco e irresistibile dello spirto delle feste, trasmettendo uno strano e inspiegabile senso di comfort che avvolge gli spettatori come un caldo e tenero “abbraccio cinematografico”.

Ho individuato alcuni fattori principali che innescano nello spettatore determinati effetti psicologici, tanto da provocare quelle bellissime sensazioni che solo il Natale sa regalare.

La Nostalgia accogliente

I film di Natale spesso attingono alla nostalgia, immergendo gli spettatori in un mondo di ricordi felici e tradizioni familiari. Le scenografie invernali, gli addobbi scintillanti e le atmosfere calorose evocano un senso di familiarità che risuona nei cuori degli spettatori. Questo richiamo al passato, reale o idealizzato, crea un legame emozionale che genera una sensazione di comfort profondo e incondizionato.

I Valori universali

I film natalizi spesso celebrano valori universali come l’amore, la generosità, la compassione e la famiglia. Questi temi toccano corde emotive comuni, creando un filo conduttore per gli spettatori di ogni età e provenienza. L’aspetto rassicurante di questi valori fondamentali contribuisce a far sentire gli spettatori parte di qualcosa di più grande, alimentando un senso di appartenenza e benessere.

La magia dei miracoli

Un elemento ricorrente nei film di Natale è la presenza della magia e dell’inatteso. I miracoli, i desideri che si avverano e gli eventi straordinari aggiungono uno strato di fascino e meraviglia al racconto. Questi elementi fantastici si traducono in un’esperienza cinematografica che va al di là della realtà, creando un senso di stupore e di gioia che è difficile trovare altrove.

L’atmosfera confortevole

Le scenografie accoglienti, le luci soffuse, le cioccolate calde davanti al caminetto, la neve candida che scende lenta, sono immagini iconiche che spesso compaiono nei film di Natale. Queste atmosfere confortevoli sono pensate per creare un senso di benessere visivo e sensoriale, avvolgendo gli spettatori in una calda coperta di emozioni positive.

La rassicurante prevedibilità

Nonostante la trama sia variabile da un film all’altro, i film di Natale condividono spesso una struttura narrativa simile. L’aspetto prevedibile di molti di questi film può fornire una sensazione di sicurezza, consentendo agli spettatori di immergersi in un racconto rassicurante, senza preoccupazioni e tensioni eccessive, poiché ci sarà sempre un lieto fine.

In conclusione, possiamo dire che quell’inspiegabile sensazione di comfort, in fin dei conti, non è poi così inspiegabile.
Grazie alla combinazione perfetta di diversi elementi, che toccano particolari corde della nostra vista, della nostra mente, ma soprattutto del nostro cuore, i film di Natale centrano perfettamente l’obiettivo: farci stare bene, anche solo per qualche ora.

Vi lascio qui la mia speciale lista “natalosa” del cuore:

  • Il Grinch, per ricordarmi che anche un cuore piccolo piccolo può diventare di due taglie più grande, se solo viene amato a dovere. 
  • Elf, per ricordami di non abbandonare mai la mia parte “bambinona”, anche se sono alta 1.60 e peso troppo per stare sulle gambe di mio padre.
  • Le 5 Leggende, per non smettere mai di credere a Babbo Natale, alla Fatina dei denti, al Coniglio Pasquale, all’Uomo dei sogni e a Jack Frost. Che poi sono pure dei fighi.
  • Natale in affitto, per ricordarmi che tutti i soldi del mondo non valgono l’amore che ti dona la famiglia. Ah, e Ben Affleck ogni tanto fa anche ridere.
  • Polar Express, per ricordarmi di cogliere le occasioni. Il Polo Nord può essere un luogo tanto angusto quanto meraviglioso.
  • The Family Man, a volte gli angeli esistono, e sono neri.
  • A Christmas Carol, per ricordarmi che i 3 spirti: passato presente e futuro, verranno a trovarmi se perderò quello più importante: lo spirito del Natale.

Marry Christmovies a tutti, da un’eterna bambiChina che non vuole smettere mai di sognare.


Autore articolo

giada

Giada Giovannoni

Redattrice

Laureanda in Media, comunicazione digitale e giornalismo, amo il cinema
e il Natale (naturalmente).  
 

(Visited 52 times, 1 visits today)
Close