Written by 09:08 Health, Home

Smart surgery: operazioni chirurgiche da remoto

Il futuro della chirurgia è in 5G

chirurgia

Il futuro è adesso. Una frase più vera che mai, soprattutto in ambito medico e, nello specifico, chirurgico, in cui le operazioni oggi possono essere effettuate da remoto. La chirurgia robotica sta diventando una realtà sempre più concreta e unita alle reti di ultima generazione, è in grado di svolgere operazioni portentose, con precisione, tempestività, ovunque.

Smart surgery: primato al Policlinico di Bari

Poche settimane fa, è stato eseguito al Policlinico di Bari il primo intervento chirurgico da remoto. Si è trattato di un’operazione alla cornea eseguita su un uomo di 53 anni affetto da distrofia epiteliale di Cogan, che prevede la formazione di piccole cisti nella zona corneale, appannando la vista. L’operazione è stata eseguita magistralmente dalla sede della direzione della clinica oculistica, dal Dott.re Gianni Alessio, direttore stesso del dipartimento di oculistica al Policlinico di Bari[1]. Sembrerebbe impossibile, eppure da una scrivania e attraverso l’utilizzo della iVis Remote Control Station, il laser iRes 2KHz è stato manovrato a distanza affinché rimovesse tutte le cisti corneali sul paziente.

Smart surgery: il ruolo delle reti di ultima generazione

Con una latenza più bassa di 50 millisecondi, l’operazione da remoto è stata eseguita in real time grazie alla tecnologia di rete mobile di ultima generazione, in questo caso specifico fornita dal gestore TIM. Ed è proprio l’utilizzo del 5G in campo medico a segnare la vera svolta: le liste d’attesa verrebbero dimezzate, in quanto i tempi delle operazioni e perfino lo spazio fisico si ridurrebbero drasticamente; tantissimi pazienti non saranno costretti a spostarsi per lunghe tratte e questo si convertirebbe anche in un risparmio economico.

Ma cos’è esattamente il 5G e perché sta diventando uno strumento fondamentale per l’ascesa delle tecnologie, anche mediche, del futuro? Il 5G ha questo nome perché rappresenta la quinta generazione della tecnologia mobile[2], che si differenzia dalle precedenti per velocità, latenza quasi inesistente e flessibilità, consentendo di sfruttare al massimo le potenzialità dei servizi wireless. Ed è proprio grazie a queste caratteristiche che le “barriere” dello spazio e del tempo (o meglio, delle tempistiche) vengono abbattute, consentendo una manipolazione delle tecnologie operatorie robotiche in tempo reale.

Smart surgery: il futuro della chirurgia

Il futuro è adesso, ma non è privo di sfide. Prima tra tutte, il continuo miglioramento delle infrastrutture di rete, che consentono maggiore velocità di connessione e, di conseguenza, un utilizzo sempre più tempo reale della tecnologia operatoria da remoto.
La velocità serve per la trasmissione in tempo zero di grandi quantità di dati, non solo quelli relativi al controllo dei bracci robotici e dei macchinari, ma anche quelli per le immagini[3] che devono essere in altissima definizione, così da consentire al chirurgo di vedere esattamente qualsiasi cosa, come se fosse lì presente.

Ci si aspetta un futuro fatto di collaborazioni, in cui equipe mediche si scambiano informazioni oppure operano in contemporanea dall’altra parte del mondo su uno stesso caso. Tutto questo ha un valore inestimabile per la sanità, che dovrebbe essere lungimirante e guardare oltre ciò che già oggi è possibile, investendo su quello che, invece, potrebbe essere: un mondo in cui la medicina e la chirurgia sono alla portata di tutti.


[1] Federica Meta, 5G, al Policlinico di Bari primo intervento chirurgico da remoto grazie alla rete Tim, Network Digital 360, settembre 2022, articolo consultabile al seguente link: www.corrierecomunicazioni.it/pa-digitale/e-health/5g-al-policlinico-di-bari-prima-operazione-di-chirurgia-corneale-da-remoto/

[2] Che cos’è il 5G?, Cisco, informazioni consultabili nel dettaglio al seguente link: https://www.cisco.com/c/it_it/solutions/what-is-5g.html

[3] Francesco Calimeri, Aldo Marzullo, Telechirurgia, le operazioni “a distanza” saranno la norma? Ostacoli e prospettive, Network Digital 360, articolo consultabile al seguente link: www.agendadigitale.eu/sanita/telechirurgia-le-operazioni-a-distanza-saranno-la-norma-ostacoli-e-prospettive/


Autore articolo

Sara Giovannoni

Sara Giovannoni

Redattrice

Copywriter pubblicitario, cinefila, nerd.
 Cerco di vivere la vita sempre con la curiosità e lo stupore di un bambino.
Amo scrivere delle cose che mi appassionano,
ecco perché spero di pubblicare, prima o poi, il mio libro sul Giappone.
 
Intanto keizoku wa chikara nari. 
Se volete, andate a cercare il significato!

(Visited 66 times, 1 visits today)
Close